E’ un incontro fra mondi completamente diversi, che in modo fortuito trovano un motivo per camminare un poco insieme La storia è strana forte,
ma ti trascina dentro e fai fatica ad uscirne, anche alla fine.
Per chi ha letto “In bilico (e non trattasi di autotrasportatore)”, scritto solo cinque anni fa, questo secondo romanzo di Massimiliano Levrangi, che è valsabbino, è un’autentica sorpresa. In meglio.

Qui tutto l’articolo in PDF